• Background Image

    Aziende Unicorno. Ecco cosa possono insegnare alle aziende italiane

    23 Ottobre 2019

23 Ottobre 2019

Aziende Unicorno. Ecco cosa possono insegnare alle aziende italiane

Avete mai sentito parlare di Aziende Unicorno? 

Le Aziende Unicorno: imprese dal carattere mitologico che cavalcano l’onda del successo come un arcobaleno, rare e preziose come gli unicorni, sono difficili da trovare e impossibili da raggiungere!

Tralasciando le descrizioni fantasiose evocate dalla parola “Unicorno” , si definiscono come Unicorno quelle aziende che riescono a raggiungere il valore di 1 miliardo di dollari in un arco cronologico di tempo relativamente breve.

“The Age of Unicorn”

Il termine unicorno, riferito a un’azienda, è stato utilizzato per la prima volta nel 2013 dalla venture capitalist Aileen Lee per descrivere le startup che avessero raggiunto il valore complessivo di un 1 miliardo di dollari.

La scelta della figura mitologica dell’unicorno come metafora evidenzia alcune delle principali caratteristiche di queste aziende, prima fra tutte la loro singolarità! 

Chi sono e che cosa fanno le Aziende Unicorno

Per essere definita Unicorno, un’azienda deve avere alcune caratteristiche, statisticamente molto difficili da ottenere. Non è affatto facile, infatti, rientrare nel gruppo delle aziende unicorno.

Tre sono i fattori determinanti per un’azienda unicorno:

  • il valore economico
  • l’innovazione
  • il tempo

Si definiscono, infatti, aziende unicorno quelle aziende o startup non quotate in borsa che in un breve arco di tempo hanno raggiunto un valore complessivo di 1 miliardo di dollari, attraverso un modello di innovazione disruptive.

Il carattere innovativo di una azienda unicorno è determinato non solo dalla tipologia di prodotto o servizio che rappresenta il suo core business, ma anche e soprattutto dal modo in cui si è posizionata sul mercato. 

Gli unicorno, infatti, sono in grado di rivoluzionare un intero settore merceologico, dettando nuove regole di mercato e, spesso, avendo un grosso impatto sui leader di settore.

Diversi sono i casi di startup che in pochissimo tempo hanno conquistato una enorme fetta di mercato scalzando le big company o costringendole a modificare le più sedimentate logiche di mercato. Tra gli esempi più noti ci sono senza dubbio Uber e Airbnb.

Silicon Valley: il paradiso delle Unicorno

Quando parliamo di aziende Unicorno parliamo di USA e di Silicon Valley. Qui nascono le rare specie di startup miliardarie e qui hanno continuato a proliferare dal 2010 ad oggi.

Sul pianeta ci sono 309 Aziende Unicorno.

Il dato è ricavato dal censimento realizzato da CB Insight e rielaborato in una mappa visuale dal Sole 24 ore. 

Il report realizzato raccoglie le startup che hanno raggiunto 1 miliardo di dollari di valutazione complessiva specificando il settore merceologico, l’area geografica di sviluppo e il gruppo di investitori.

Clicca qui per vedere il report completo.

Circa la metà delle aziende, con un valore complessivo di 590 miliardi di dollari, è situata in America. Al secondo posto della classifica c’è la Cina e la Gran Bretagna al terzo. L’India, invece, segue la Gran Bretagna al quarto posto per numero attività, ma si colloca in una posizione più alta in termini di valutazione. 

Che fine hanno fatto le aziende Unicorno in Italia?

In Italia, Yoox e Opto Telematics hanno raggiunto una valutazione superiore al miliardo, ma hanno impiegato molto tempo e ci sono riuscite solo grazie ad investitori stranieri: circostanze che, evidentemente, non permettono a queste aziende di entrare nella lista di CB Insights. Le motivazioni sono da ricercare in una mancata predisposizione al rischio e agli investimenti, secondo Luca Fontana che ha analizzato la questione in un articolo pubblicato su Quale Impresa, e nei problemi di carattere finanziario del nostro paese.

Ma cosa possono imparare dagli Unicorni le aziende italiane?

Senza voler puntare necessariamente al modello americano delle startup della Silicon Valley, costitutivamente lontano dalle logiche e dall’organizzazione aziendale italiana, è possibile imparare alcune lezioni fondamentali dalle aziende unicorno.

Ecco tre insegnamenti che si possono trarre dal fenomeno delle Aziende Unicorno e che possono essere subito applicati dalle aziende italiane per orientarsi alla crescita e al successo.

1) Non avere paura di sbagliare

Uno dei principali insegnamenti che derivano da chi ha sfondato il muro del miliardo di dollari riguarda non il successo come punto di arrivo, ma la strada fatta per raggiungerlo. 

Nel percorso devono essere messi in conto errori, come cambi di rotta. Solo sbagliando e correndo qualche rischio è possibile fare davvero innovazione e sperimentare nuovi modelli di business.

2) Investire sull’innovazione e nel cambiamento

“Abbiamo sempre fatto così” è purtroppo ancora oggi una delle frasi più pronunciate dagli imprenditori italiani. Aprirsi all’innovazione tecnologica significa accettare che alcune cose cambino.

3) Concentrarsi sul processo prima che sul prodotto

Spesso tutti gli sforzi aziendali sono concentrati sul prodotto e poco sul processo. Formazione e innovazione sono invece due elementi che devono partire e interessare i processi e il team.

Ecco come iniziare:

Formazione 4.0 è una misura del MiSE che permette alle aziende italiane di investire sull’innovazione tecnologica risparmiando. Scopri come funziona.

Inizia subito a innovare.

Condividi su:


Notice: ob_end_flush(): failed to send buffer of zlib output compression (0) in /home/formquattro/public_html/wp-includes/functions.php on line 4348